CHI SONO?
Nato a Riace, paese piccolo, ma famoso in tutto il mondo dopo la grande scoperta (agosto 1972), sul fondo del mare di Riace, in localitÓ conosciuta e chiamata, "Portu Farticciu", nome non riportato in nessuna carta topografica, ma noto ai riacesi per essersi tramandato da generazione dopo generazione fino ai giorni nostri.
Fu il nome, portu farticchiu ( toponimo), che mi " suggeri di indagare. Mi sono chiesto, durante la lotta civile e culturale ( 1980-81), nella veste di Sindaco, per la rivendicazione e collocazione dei Bronzi di Riace nel loro naturale luogo, un nome a caso? No. Un nome ha sempre una sua spiegazione. Cosi un giorno, una bella giornata di primavera del 1981, ebbi l'idea di salire sulla collina, nel punto pi¨ alto, antistante a porto farticchio. Da qui, potei notare la sagoma di porto particchio. Era un vero porto? Un semplice approdo? Non si sa. Certo Ŕ che il luogo di ritrovamento dei bronzi di Riace Ŕ chiamato porto farticchio. Mi fermo qui per il momento. In seguito cercher˛ di spiegare meglio e di altre vicende legate al luogo del ritrovamento.
Ho iniziato ha studiare ingegneria all'universitÓ di Padova, poi completai gli studi a Roma, dove mi sono laureato e lavorato come collaboratore di ricerca presso la facoltÓ di ingegneria di Roma. attualmente svolgo la libera professione di ingegnere. Iscritto per la seconda laurea in fisica all'universitÓ di Roma. Seguo con piacevole interesse lo studio della matematica, della fisica, della chimica, nel loro campo pi¨ avanzato, della filosofia e delle storie delle religioni.
Attualmente sto scrivendo un libro dal titolo: "LA LOGICA DELL'UNIVERSO. LA SCIENZA E LA FEDE.
Per quello che riguarda la "politica", sono stato sindaco di Riace per dieci anni. Tanti ,.. anni nel sociale.
Tuttavia, ritengo quell' esperianza " politica una semplice parentesi, ma una notevole esperienza di vita vissuta. Ho sempre ripudiato la politica, non certo quello che riguarda l'umano e la vera storia della razza umana. Non ho fatto mai differenze di razze: mi considero un uomo libero appartenente ad una piccola palla, chiamata terra. Una piccolissima pallina rispetto all'intero universo fisico. Ogni tanto mi diletto di "guardare" con gli occhi della menti al di lÓ dello spazio-tempo, fisico, da dove finisce la vera scienza, da cui poi si riparte il senso del mistico, della metafisica, della filosofia, intesa anche come preambolo della teologia. In altre parole " finisce" l'immanente, per cosi dire, e ti ritrovi sempre nella tua mente il trascendente sebbene certe volte non lo cerchi. Ci˛ lo ritengo interessante, per certi versi sorprendente.