Ho costruito questo sito per seguire virtute e conoscenza. Ringrazio il mio carissimo amico, Roberto dott. Polito, oculista presso l'ospedale di Locri, per avermi aiutato a costruirlo. Internet è una grande conquista dell'intelletto umano, della vera scienza che saputo mettersi a servizio della tecnologia. Già la televisione aveva accorciato le distanze tra i popoli. L'ingresso della televisione ha portato gli uomini di tutte le razze, i luoghi più remoti e sconosciuti del pianeta terra, nelle case. Mancava solo il dialogo tra le razze umane. Internet è la "televisione" le cui immagini per cosi dire oltre ad essere animate e parlanti, ora ricevono le risposte. l'uomo cioè non rimane più passivo, seduto davanti alla televisione, interagisce con essa, esprime le sue opinioni, le sue esperienze e conoscenze. Tutti possono ora contribuire a migliore il mondo. E' un lavoro di squadra. Le tue conoscenze diventano le mie, e le mie diventano tue. Quello che tu porti semplicemente conoscenza, per un altro potrebbe essere un indizio, dietro alla quale si nasconde una vera scoperta.
....e a proposito di indizi, Einstein racconta che, in una conferenza tenutesi in Giappone nel 1922, nelle sue riflessini .... ...ero seduto sulla mia sedia nell'uffucio brevetti quando, ad un tratto, mi venni un'idea: " se una persona cade liberamente non sentirà il proprio peso. Fu sorpreso. questo semplice pensiero ( indizio) mi impressionò moltissimo, spingendomi verso la teoria della gravitazione. Einstein riferi questa intuizione come il pensiero più felice della mia vita..
In questo senso internet è una delle più grande conquiste dall'intelligenza umana. Vi sono le spazzature, ma queste rimangono solo spazzature, tra queste le false mode, i raggiri, elementi negativi da cestinare.
......................................................................... ......................................................................... .........................................................................
LA STUPIDITA' degli UOMINI.
La conoscenza, il sapere e il rispetto della dignità umana formano, a mio avviso, una triade fondamentale a che l'uomo possa comprendere il vero senso della vita all'interno di un universo armonioso...
...Dico allora: .." tu, uomo stupido non turbare almeno la naturalezza di un filo di erba,di una pianta, non oscurare con le tue azioni innaturali la dinamica naturale dell'aria che respiri, non oscurare il cielo azzurro, ...lasci che i raggi del sole seguiteranno ancora, per milioni di anni, il loro naturale cammino;... lasci che raggi del sole incontrino lo scudo,o per cosi dire la corazza naturale del pianeta terra, che la stessa ha generato. Senza il sapere, guarda caso, sorprendentemente, passo dopo passo, gli uomini che tanto amavano la conoscenza, spinti.. dalla loro curiosità ma, in particolare, per lo stupore che si presentava ai loro occhi, ai loro tatti, ai loro olfatti, persino orecchiando, tra tante cose che hanno scoperto,.. un bel giorno scoprirono che la terra porta in seno, genera ed emana attorno a sè onde, a noi invisibili, che questi grandi uomini chiamano, più genericamente, campo magnetico. Nessuna sapeva, prima di loro, che il campo magnetico rappresenta una corazza naturale per la terra. MA la terra in sè, fatta di atomi, non avrebbe avuto nessuno bisogno di alcuna protezione, o scudo per protegersi dai raggi solari o extra solari:...ma generando la vita, " si assunse la responsabilità" di proteggere la vita di tutte le cose.
Allora viene spontaneo dire che la terra, pur essendo fatta di materiale inerte, e per certi versi vitale, è più " intelligente" della stupidità degli uomini.
...... "E' la stupidità di tantissimi uomini ad non accorgersi della loro stessa distruzione".....volendo seguire, non la naturalezza, non la virtù o la conoscenza, e persino la vera scienza, ma i loro crudeli istinti irrazionali di superare, con una buona dose di superbia, quasi a voler sfidare la naturalezza di chi l'ha generati
.......Ecco perchè mi accingo a dare una rappresentazione della Stupidità ......
La conoscenza contro l'arroganza e la stupidità ....Mentre un legionario romano si accingeva ad uccidere Archimede,...Archimede( 287 a.C.Siracusa), grande matematico, fisico ed ingegnere, non curandosi della spada del soldato romano, pur volendo continuare a vivere per completare la sua opera di ricerca, ...tutto assorto nel suo lavoro di ricerca, diceva ... non turbare i miei circoli , ....lasciami completare la dimostrazione nella quale sono intento.....Archimede peri' sotto la spada del soldato romano,ma le idee di Archimede continuarano e continuo a vivere, e altri ripresero la sua opera....e non a caso io sono qui a ricordarlo. Il saldato romano continuò a vivere insieme alla sua stupidità, e se quel soldato romano aveva figli lasciava in eredità , magari tante ricchezze, ma anche tantissima stupidità. ...Fortuna vuole che quasi sempre a fare la storia, la vera storia sono pochi,: i pochi finiranno primo o poi a vincere sempre. Ma se tutta la vita sulla terra scomparirà per stupidità di tantissimi "legionari romani moderni",anche quei pochi uomini, amanti della conoscenza e della bellezza dell'universo, saranno gli ultimi a scrivere... perchè tutto finirà per la stupidità degli uomini. ....Oggi, per fare un esempio significativo, i grandi legionari romani sono quei potenti assorti, non in un lavoro di ricerca come Archimede, ma a vincere una gara, ...la gara è il petrolio,... e la gara sarà vinta da chi bruciarà più petrolio nel minore tempo possibile,... dimenticandosi però , essendo stupidi, che questa volta l'aria che essi respireranno li farà morire.
Il petrolio, prezioso liquido, finirà comunque prima o poi...: Il fatto più crudele è la stupidità di questi potenti, che non capiscono come distrubuire nel tempo e nello spazio il pregioso combustibile a che l'aria che respirano travi il giusto equilibrio, .o meglio, detto in un altro modo, per cosi dire, la giusta simbiosi, in proporzione corretta, tra l'aria e i fumi del combustibile bruciato. ...E la natura, lo dico a chi non lo sa, sa pesare e fare le giuste proporzioni: ..........:la natura ha la mente matematica .
..Quanto più numerosi saranno questi "uomini" potenti, senza scrupoli, tanto più numerosa sarà la stupidità in competizione.
Il sapere nobilita l'uomo, ..il sapere rende l'uomo saggio,...il sapere come conoscenza del mondo, della natura in cui l'uomo vive,...il sapere come amore verso la natura, il sapere delle cose che la natura contiene,... il sapere del perchè la natura genera le cose,.....il sapere del perchè delle cose in natura: di una goccia d'acqua, di un filo d'erba, di un albero, di un'ape, di una formica, di una foca, di una balena, di un elefante, di un leone, di un pesce.....e cosi via.. l'elenco è lunghissimo. Quanto più tale elenco rimane in equilibrio e stabile tanto più l'uomo vive meglio e a lungo ....
.... Un giorno mi incontrò una tartaruga... La tartaruga mi dice :...sai.. io sono, per eccellenza, ritenuta la più lenta,
...non mi dispiace,.. anzi sono contenta di essere cosi lenta....dice un proverbio: "...chi va piano va lontano"...... Io sono molto longeva: vivo a lungo. ....mi dice pure: " ... temo però la stupidità dell'uomo predatore.
... ...venuta a conoscenza che se potesse correre alla velocità della luce, la mia vita si allungherebbe tantissimo, potrei cosi avere tutto il tempo per raggiungere un altro pianeta....
E' vero, risposi io....
... Ma se tutte le cose seguissero poi il tuo esempio, non rimarebbe più nulla sul pianeta terra.
....Ribattè la tartaruga:.. "non è vero, ..... sulla terra rimarebbe la stupidità degli uomini predatori".
...e noi tutti potremmo ritornare sulla terra ancora giovani, quando tutta la stupidità degli uomini predatori sarà molto vecchia o sarà completamente morta...E se per caso non sarà tutta morta, sarà sicuramente molto vecchia.......
......e da vecchi, ..dice la tartaruga, si diventa sempre saggi.
....Rispondo io:......Non ci avevo pensato....già... perchè la saggezza solitamente appartiene alla vecchiaia?.........
....Forse perchè l'uomo, vedendo la fine dei suoi giorni, va alla ricerca del tempo perduto inutilmente e, riportandosi con gli occhi della mente all'età della sua adoloscienza, ricorda la sua naturalezza ? ......
......a domani........